Ritardo e castigo

D’Alema, Civati e Fratoianni avevano inizialmente più bisogno del Brancaccio che viceversa. Adesso il rapporto si è invertito. Si è perduta un’occasione, ma resta prima di tutto un problema e un compito “Chi ritarda, la vita lo castiga”, un Gorbaciov forse… Read More ›

Articoli Recenti

  • Fine o nuovo inizio in Spagna (e in Europa)?

    Qualunque cosa adesso accadrà, e qualunque cosa ancora si possa fare, bisogna riconoscere bene le ragioni profonde, e i processi di lunga durata, per cui questa “Europa” si è rivelata impotente e inetta a contenere e sciogliere l’addensamento della tempesta… Read More ›

  • Antifascismo antisistema

    L’avanzata globale del fascismo alza il livello della sfida per la costruzione di una forza di sinistra coraggiosamente radicale nelle sue parole e nei suoi programmi, ossia adeguata alla radicalità della situazione.   Il fascismo è ritornato, è forte, e… Read More ›

  • Ciò che vogliamo, ciò che non vogliamo, ciò che siamo

    Darsi un programma per questa campagna, e per riconoscere concordemente la nuova soggettività condivisa, significa adottare parole d’ordine semplici e forti, totalmente irrispettose dei luoghi comuni ”bipartisan” che hanno dominato e stordito la scena politica negli ultimi anni: insomma, parole… Read More ›

  • Porcelli rosa

    Gli strateghi della cosiddetta governabilità hanno pronto un nuovo trucco elettorale. Ce la faranno davvero? In tal caso se la vedranno con la metà scarsa di italiani che apprezzano questo tipo di gioco e intendono parteciparvi. Noi abbiamo da occuparci dell’altra metà…. Read More ›

  • «Federatore» è il movimento reale

    Il ruolo di “federatore”, con le connesse responsabilità, non spetta a questa o quella personalità più o meno comprensibilmente ornata di carisma, ma piuttosto al movimento reale dell’unità, che ha già reso possibile il miracolo del 4 dicembre con la… Read More ›

  • Il dubbio, la ragione, e l’unità possibile

    Il termine “centro-sinistra” (scritto quasi sempre, chissà perché, senza trattino) mostra un forte potere divisivo, e una forte capacità di suscitare passioni contrapposte, inversamente proporzionali alla chiarezza del suo significato. Lo stesso accade per la disputa sul “sovranismo” e per… Read More ›

  • Uniti, inclusivi, radicali

    Se ci liberiamo dagli ultimi residui delle idolatrie mentali del passato (e li riconosciamo), dopo il Brancaccio (e dopo il promettente exploit delle liste civiche di sinistra) questa volta possiamo veramente fare molto, e presto. Molto tempo e molti pensieri… Read More ›

  • Il vero campo largo

    È ciò che deve e può nascere dai semi e dalle radici anziché dalle foglie; dalla reale unità di sentimenti e di idee che vive diffusamente in migliaia di luoghi, situazioni, conflitti, piuttosto che da accordi all’interno di frazioni di… Read More ›

  • Diciotto giugno e Primo Luglio

    Se insieme ragioniamo sul successo di Corbyn che seppellisce il blairismo ed ogni thatcherismo dal volto più o meno umano, aprendo un orizzonte di necessaria e rinnovata de-privatizzazione di aspetti fondamentali dell’economia; se insieme guardiamo con fermo coraggio alle terribili… Read More ›